Scegliere il giusto software gestionale di produzione è fondamentalre per il futuro dell’azienda. Non tanto perché, nel bene e nel male, sarà a nostro fianco 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì per molti anni, quanto perché impatterà più di quanto si possa pensare sulle sorti dell’attività. Infatti fra il più idoneo e il meno adatto possono esserci diversi punti percentuali di differenza, che nel tempo, creano differenze importanti.

Ecco pertanto una miniguida per aiutarvi a riflettere su alcuni punti chiave da tenere in considerazione:

1. Funzioni previste

Questo è forse il punto più semplice e scontato. Ma a bene vedere, per andare oltre al banale, l’ideale sarebbe che il nuovo softwar egestionale di produzione possa avere esattamente le funzioni che a noi interessano, né più né meno. Questo perché se è ovvio che l’assenza di copertura funzionale possa creare problemi, in primo acchitto potrebbe sfuggire che un eccessivo surplus di funzionalità non solo non aggiunge valore, ma complica inutilmente il sistema. Allungando i tempi di formazione iniziale per i nuovi assunti e, in certi casi, anche la quotidianità.

Certo trovare un software ritagliato su misura, se so esclude una “customizzazione” spinta che può esser decisamente costosa, non è facile.

Per questo il consiglio è di ascoltare i vari ruoli aziendali, elencare tutte le funzioni desiderate e tracciare una classifica, ordinandole per valore aggiunto decrescente: dalla più importante alla meno impattante.

In questo ambito è molto importante metter da parte le emozioni, dare maggior peso a funzioni critiche o di uso frequenteo e limitare l’analisi dei casi sporadici.

2. Facilità d’uso

Non solo perché un software gestionale di produzione sarà a vostro fianco quotidianamente, nelle giornate positive ma anche in quelle no, quando ogni piccola difficoltà aggiuntiva è poco tollerabile. Ma soprattutto perché facilità d’uso significa risparmio di prezioso tempo, nella quotidianità, minizzazione degli errori e anche facilità nell’inserire nuove figure in azienda.

3. Interfacciabilità

Pe quanto un sistema possa esser completo, la necessità di interfacciarlo è fondamentale. Questo perché in azienda possono essere presenti altri sistemi software che si vogliono mantenere, perché nessun software può esser il migliore in ogni campo e quindi cercare di utilizzare più sistemi, ognuno ottimizzato per un’aerea aziendale, che dialoghino fra loro è una scelta che ha i suoi benefici. Oltretutto sempre più aziende desiderano interfacciare i software, in particolare quelli di produzione, con hardare (es. stampanti di etichette) e macchine utensili (es. industria 4.0).

4. Modularità

Concetto caro agli informatici, ma spesso sottovalutato in fase di scelta. Le aziende evolvono, crescono, si trasformano… e il software gestionale di produzione è un bene durevole che non deve ingessare, ma anzi seguire il più possiible l’evoluzione dell’azienda.

I sistemi in cloud, con la grande flessibilità che esso permette, aiutano molto. Possono facilmente e rapidamente essere estesi, ma volendo anche “contratti” per risparmiare qualcosa, nel malaugurato caso di bisogno. In generale è importante pensare all’oggi, ma con uno sguardo rivolto al domani e cercare di immaginarsi quale sistema sarà più adatto fra 3 anni o fra 5.

5. Assistenza

Tutti i sistemi, per rimanere efficaci ed efficienti nel tempo, vanno mantenuti al emglio. Cambiano le esigenze aziendali, cambiano le abitudini, insorgono imprevisti, evolve la tecnologia, cambiano i punti di riferimento.

Un software che non evolve è un sistema destinato a spegnersi.

Quindi l’assistenza è fondamentale per mantenere i benefici nel tempo, anzi di accrescerli.

Contact Us

Non siamo online ora. Ma puoi inviarci un'e-mail e ti risponderemo al più presto.

Non è leggibile? Cambia il testo. captcha txt